Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo li accetti

Sei qui: Home News Halloween nostran

Halloween nostran

La festa dei morti nella tradizione contadina friulana e della Carnia #halloweennostran @carniadelcibo

Rapa

Zucche o rape? Rape senz’altro! Parlando di tradizioni molto antiche l’ortaggio che avrebbe potuto farla da padrone nella nostra terra non poteva esser altro che la rapa.

Gli studenti dell’indirizzo agrario - Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale - dell’ISIS Fermo Solari di Tolmezzo hanno voluto indagare con i loro insegnati su questa festa che spesso viene etichettata come americana. È vero che la moda è particolarmente diffusa nel mondo anglosassone, tuttavia essa ha solo oscurato le nostre vecchie usanze di origine celtica.
Tra il X e VII sec a.C., infatti molte popolazioni nomadi provenienti dalla Mesopotamia migrarono verso Occidente, diffondendosi prevalentemente nel Nord d'Europa. Una parte di essi, chiamata Celti, popolava un territorio vastissimo e, nel corso dei secoli, una parte di essi (i Gallo–carni o Carno-Celti) abbandonò la Baviera per spostarsi in zone alpine più protette e si stabilì così definitivamente nell'odierna Carnia. La ricerca storica su queste antiche popolazioni comandate da un Re e da una casta di sacerdoti chiamati druidi ha fatto emergere vari rituali di origine celtica tra i quali l'antica Festa dei Morti o Capodanno Celtico chiamato Samhain.
Samhain segna la fine dell'annata agraria, una festa molto lunga e molto sentita con rituali suggestivi che comprendevano fuochi, falò e frutti oppure ortaggi intagliati con all'interno una candela. In carnia, questi ortaggi erano presumibilmente proprio le rape, che costituivano il prodotto agricolo in quel momento dell’anno maggiormente disponibile (patate e zucche giunsero in Europa molti secoli dopo!).

Ai festeggiamenti di Samhain i Celti dedicavano undici giorni: dal 31 ottobre fino a quello che poi è diventato il giorno di S.Martino e che è ancora oggi ritenuto la conclusione dell’annata agraria. Un tempo, infatti, l’11 novembre era la data di inizio dell’attività dei tribunali, delle scuole e dei Parlamenti, inoltre si tenevano le elezioni municipali, si pagavano fittanze, rendite e locazioni e venivano rinnovati i contratti agrari.

Perchè allora Samhain un tempo era cosi importante? I Celti erano un popolo dedito all'agricoltura e alla pastorizia e questa ricorrenza aveva una rilevanza particolare. Infatti, la vita quotidiana intorno a questa data, cambiava radicalmente: le greggi venivano riportate giù dagli alpeggi e dai pascoli estivi, terminava la raccolta dei prodotti agricoli e i terreni venivano preparati per le nuove semine, le persone iniziavano a trascorrere più tempo al chiuso dedicandosi a costruire utensili e ad altri lavori artigianali raccontando storie e leggende. Insomma, una festa che toccava nel vivo tutta la comunità e che ha permesso la costruizione di molte leggende celtiche ambientate nella notte di Samhain. Queste leggende si ricollegavano ai cicli di fertilità della Terra e all'inizio del regno semestrale dell’Oscurità.

Abbiamo voluto presentare questa ricerca con un piccolo ma suggestivo allesimento nell’atrio dell’Istituto per imparare a scavare nel nostro passato e soprattutto perchè ci ha incuriositi la soria della rapa e in particolare di quelle di Verzegnis delle quali siamo particolarmente orgogliosi al punto che ne abbiamo scelte alcune di grandi belle e colorate, e le abbiamo intagliate e illuminate.

Seguici su @carniadelcibo